Accesso

Educazione musicale

​​U​na danza voglio far… (EdMu1a)


Ciclo di riferimento: primo

Musica, ascolto, ritmo, movimento e collaborazione: ecco gli ingredienti di questo progetto che, grazie ad attività in comune e differenziate in piccoli gruppi, ha permesso ai bambini di realizzare una coreografia su una musica scelta inizialmente. Grazie all’utilizzo dello strumentario Orff, i bambini ha scoperto e sperimentato il ritmo, il muoversi con il corpo nello spazio, aiutandosi e coinvolgendosi a vicenda per trovare insieme delle soluzioni alla situazione problema. Il percorso illustrato di seguito è stato realizzato in una Scuola dell’infanzia ticinese, con allievi d’età dai 3 ai 6-7 anni. La situazione problema prende forma grazie al libro di testo che ha accompagnato la programmazione annuale I viaggi di Giac, di Elve Fortis de Hieroymis. Ovviamente, il progetto può essere adattato e declinato anche ad altri contesti o ad altre fasce d’età. Nel nostro caso il protagonista del racconto, Giacomino, un omino di carta, è in viaggio alla scoperta di nuove città. Giunge in quel di Roccaquadra: città fredda, grigia, monotona. Gli abitanti di Roccaquadra, i quadresi, sono seri, molto composti e ligi alle regole dettate dal generale Tetragono. Con una piuma di pavone, Giac riesce a far ridere Tetragono e a far tornare un po’ di allegria in questa città noiosa. Per convincersi del tutto che, oltre al dovere, ci deve pur stare anche una fetta di piacere, Tetragono commissiona a Giac l’organizzazione di una festa in cui dovrà esserci una danza a cui potranno partecipare tutti gli invitati delle città vicine e lontane che raggiungeranno Roccaquadra. Giac è un giornalista, non se ne intende di musica e di danze! Come farà?! Aiutiamolo ad inventare ed insegnare una danza ai quadresi per la festa che si terrà a breve in città!

​​







Repubblica e Cantone Ticino

Portale curato dal Centro di risorse didattiche e digitali