Accesso

​​​Italiano

La leggenda dei nani - dall’oralità alla scrittura (Ita3b)

​​
Ciclo di riferimento: terzo​​
​​
Proporre un genere narrativo come la leggenda in prima media significa innanzitutto collocarsi nel passaggio tra il secondo e il terzo ciclo, leggendo te-
sti narrativi con i quali si è già preso confidenza precedentemente. La leggenda dei nani nella versione di Giuseppe Zoppi, pubblicata nel volume Il meraviglioso: leggende, fiabe e favole ticinesi (Dadò, 1993) permette agli allievi di prima media di porsi in relazione al territorio e nel contempo di rigenerare un mondo fantastico, di narrazione della comunità, che dà senso a quei posti. Il linguaggio letterario di Giuseppe Zoppi rappresenta una sfida che allievi di prima media possono cogliere, nella fase di lettura e comprensione del testo, nel momento in cui devono narrare oralmente, successivamente per iscritto la storia, riutilizzando alcune parole o espressioni dell’autore.
Il principio didattico che regge questo itinerario risiede nel passaggio tra lettura, oralità (parlato e ascolto) e scrittura.







Repubblica e Cantone Ticino

Portale curato dal Centro di risorse didattiche e digitali