Accesso

​​​​​​​​Storia ed educazione civica

Il rapporto con l’altro. Le donne nell’Antica Roma (Sto3f)


Ciclo di riferimento: terzo
Nella nostra società occidentale la donna ha ormai ottenuto il riconoscimento della parità formale con gli uomini e ricopre spesso ruoli di grande rilievo, anche se molto rimane ancora da fare nella parità di fatto, specie nel mondo del lavoro. Ma la condizione della donna nel mondo antico era ben diversa, perché esisteva una profonda frattura tra il mondo femminile e quello maschile: la donna, relegata a un ruolo marginale, viveva nell’ombra, costantemente sotto la tutela maschile, classificata come inferiore e debole per natura. A Roma le donne erano prive di autorità giuridica, sottomesse all’autorità del padre prima e del marito successivamente. Numerose iscrizioni sepolcrali ci hanno permesso di conoscere quale fosse il modello della moglie perfetta destinata al matrimonio e alla procreazione: «fu casta, filò la lana, custodì la casa, crebbe i figli». Si tratta di un modello ideale che comunque nel corso della storia romana subì alcuni mutamenti. In particolare tra la fine dell’età repubblicana e all’inizio di quella augustea, durante la quale le donne riuscirono in parte ad affrancarsi dalla tutela e ad acquisire il diritto di ereditare e di conservare la proprietà della dote. La loro entrata nel mondo della politica e delle professioni restò comunque sempre vietata. Il percorso didattico per la prima media Le donne nell'antica Roma si inserisce in una più ampia tematica di partenza, scelta dal nostro gruppo di lavoro: Alterità: il rapporto con l’altro. Effettuare un percorso di scoperta e di studio sulle donne nell’antica Roma, permette di affrontare alcuni elementi che ruotano attorno al tema del rapporto con l’altro. In particolare stimola una riflessione sulla condizione femminile e sulla sua evoluzione in una realtà storica lontana nel tempo e porta ad evidenziare le differenze di ruolo e i diversi diritti e doveri della donna nei confronti dell’uomo nell’Antica Roma. In riferimento al nostro schema di partenza (Sto3f – Allegato1​​), questo percorso didattico va a toccare le seguenti sfere:
– Alterità e differenze (di genere)
 – Alterità e regole/leggi (leggi di tipo esclusivo)
​– Alterità e atteggiamenti (pregiudizi)









Repubblica e Cantone Ticino

Portale curato dal Centro di risorse didattiche e digitali