Accesso

Manutenzione prevista per il 12.12.2017 dalle 18:00 alle 21:00. Il portale ScuolaLab potrebbe non essere raggiungibile durante questo periodo.

Ricerca




Piano di studio per la scuola dell'obbligo


Grado:
SI; SE; SM

Ciclo:
1; 2; 3

Versione:
2013

...
Vedi più dettagli
Dettaglio scheda
Informazioni generali
- Disciplina
- Autore
- Lingua
- Parole chiave libere

Tutte

 

Italiano

Piano di studio




Piano di studio per la scuola dell'obbligo: solo moda o opportunità di cambiamento?

Disporre di un Piano di studio unico per la scuola ticinese significa poter affrontare la formazione in modo coerente ed esplicito, avendo a disposizione per ogni ciclo il quadro delle competenze che ci si aspetta di ottenere con gli allievi per quanto riguarda le diverse discipline, le competenze trasversali e i temi della formazione generale.

Queste attese formative si ricollegano ad un’importante dimensione dell’Accordo intercantonale HarmoS che fissa per alcune materie (lingua di scolarizzazione, matematica, lingue seconde e scienze) delle competenze fondamentali da raggiungere con tutti gli allievi. L’esplicitazione all’indirizzo dei docenti delle principali attese nei confronti della formazione da raggiungere alla fine dei cicli costituisce dunque una caratteristica fondamentale del Piano di studio. Non si tratta più, come nel passato, di un programma di insegnamento che indicava quali temi e argomenti andavano trattati nei rispettivi settori formativi, bensì di un piano che indica di quali competenze e risorse un allievo dovrebbe aver sviluppato al termine delle principali scadenze formative previste.

Rispetto ai programmi precedenti si passa quindi da indicazioni su “cosa insegnare” ad indicazioni su “cosa far apprendere”. Le attese formative sono formulate in termini di “cosa l’allievo deve essere in grado di padroneggiare, conoscere, saper-fare” alla fine di un determinato ciclo.

Le giornate di studio del 22-23 agosto hanno rappresentato una prima occasione di condivisione e di scambio riguardo alle scelte che fanno da tela di fondo al Piano di studio e alle opportunità di cambiamento che comportano. I contributi forniti dai relatori presenti hanno inoltre permesso un'apertura verso l'orizzonte svizzero e internazionale.

Conferenze di giovedì, 22 agosto 2013
Plan d’études tessinois et le Concordat HarmoS: le génie régional dans un cadre national
Olivier Maradan

Un plan d’études axé sur le développement de compétences: quels changements?
Marie-Françoise Legendre

Préparer à la vie : un citoyen? Un travailleur? 
Les changements actuels des curriculums et plans d’études
François Audigier

Conferenze di venerdì, 23 agosto 2013
Plans d’études régionaux-standard nationaux et épreuves HarmoS d’évaluation du système - évaluations des compétences des plans d’études
Olivier Maradan

Éducation à… et disciplines scolaires. Exemple des disciplines du monde social
François Audigier

Comment aider les élèves à développer les compétences, quelles pratiques pour les enseignants, quelles approches pédagogiques, quelles stratégies d’enseignement? 
Marie-Françoise Legendre


22.08.13 - Plan d’études tessinois et le Concordat HarmoS le génie régional dans un cadre national

22.08.13 - Un plan d’études axé sur le développement de compétences quels changements

22.08.13 - Préparer à la vie un citoyen Un travailleur

23.08.13 - Plans d’études régionaux-standard nationaux et épreuves HarmoS d’évaluation du système- évaluations des compétences des plans d’études

23.08.13 - Éducation à… et disciplines scolaires. Exemple des disciplines du monde social

23.08.13 - Comment aider les élèves à développer les compétences, pratiques pour les enseignants, approches pédagogiques, stratégies d’enseignement

Questa scheda potrebbe contenere del materiale protetto da diritti d'autore. Per poter consultare il materiale è necessario eseguire l'accesso al portale.





Repubblica e Cantone Ticino

Portale curato dal Centro di risorse didattiche e digitali