Accesso





La tecnologia nella didattica quotidiana: un potenziale vettore di equità


Grado:
SM

Ciclo:
3

Data scheda:
 

...
Vedi più dettagli
Dettaglio scheda
Disciplina
 
Autore
Gianfranco Pordenone

​​​Un’indagine etnografica realizzata presso la Scuola media di Cadenazzo-Vira Gambarogno.

La scoppio della pandemia di Covid-19, nella sua drammatica imprevedibilità, ha scombussolato il mondo della scuola. Mettendo in risalto in modo inconfutabile la centralità della relazione educativa nella formazione delle nuove generazioni (Robbes, 2016), ha condotto l’insieme degli attori coinvolti nel processo d’apprendimento a interrogarsi sulle modalità del fare scuola, cioè su quella che viene definita la forma scolastica (Forquin, 2008).

Il lockdown primaverile del 2020 ha fatto apparire una didattica dell’emergenza (Piatti e al., 2020), che giocoforza si è dovuta appoggiare sulla diffusione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC). La scuola a distanza ha perciò prodotto «un balzo in avanti nell’uso della tecnologia in campo scolastico» (il Caffè, 12 luglio 2020).

​L’affermazione generale del consigliere di stato ticinese Manuele Bertoli, responsabile del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS), trova conferma a livello locale nelle parole del vicedirettore della Scuola media di CadenazzoVira Gambarogno, per il quale quei concitati mesi hanno «portato ad un’accelerazione dell’uso della tecnologia», precisando che «questo è fuori dubbio» (Int Vd Aurelio). ​​

La tecnologia nella didattica quotidiana: un potenziale vettore di equità

Allegati



Questa scheda potrebbe contenere del materiale protetto da diritti d'autore. Per poter consultare il materiale è necessario eseguire l'accesso al portale.

Tag:
Uso consapevole; Tecnologie nella didattica