Accesso


​​​​​​​​​​Parte teorica
Mobilità


mob1.png  


Per affrontare la problematica espongo alcuni significativi dati sulla mobilità in Svizzera, presi dall'Ufficio Federale di S​tatistica​[1] e dall'Ufficio Federale delle Strade: dove emerge in modo prepotente che la maggior ragione di spostamento degli svizzeri riguarda il tempo libero.

Il traffico di merci sulle strade è in diminuzione ma resta ancora molto da fare per portarlo maggiormente su rotaia. L'apertura della galleria di base Alptransit del Gottardo dovrebbe cambiare queste cifre.

Per scoraggiare il traffico su gomma è stata introdotta la Tassa sul traffico pesante. La TTPCP è una tassa federale calcolata sulla base del peso totale del veicolo, del livello delle emissioni nonché dei chilometri percorsi in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein.

La tassa è dovuta per tutti gli autoveicoli e i rimorchi

  • con un peso totale autorizzato superiore a 3,5 tonnellate;
  • che servono per trasportare merci;
  • che sono immatricolati in Svizzera o all'estero e circolano sulla rete stradale pubblica svizzera.


Immagine 1: trasporto di merci secondo il mezzo

​MEZZO DI TRASPORTO​
​MILIONI DI TONNELLATE
Strada e Ferrovia​​​39,6
​Strada
​27,7
​Ferrovia
​11,9


In Ticino si fa un percorso medio di 29 km per un tempo di 75 minuti, meno delle altre regioni ma se guardiamo le modalità si nota che il Ticino con 630 automobili per 1000 persone è il Cantone più motorizzato e quindi le strade risultano più trafficate. E il trasporto pubblico? Si dice che non sia così efficiente. In Ticino sta comunque crescendo notevolmente, basta guardare il numero di passeggeri di TILO.

Immagine 2: passeggeri trasportati in Ticino da Tilotilo1.png

​Gli studi dimostrano ogni qualvolta si dà un'offerta aggiuntiva di strada viene sempre assorbita in breve tempo dalla domanda. Questo significa che la costruzione di nuove strade porta ad un effetto benefico temporaneo. Naturalmente ci sono delle infrastrutture che sono un obbligo nei confronti di alcuni comuni o zone per riparare errori fatti nel passato, come ad es. la nuova circonvallazione a Roveredo GR. Non da ultimo la popolazione e il tasso di motorizzazione stanno continuamente crescendo.

A dimostrazione di quanto detto prima, nonostante la costruzione di nuove strade le ore in colonna sono notevolmente aumentate, come dimostra il grafico sottostante. Nelle nuove pubblicazioni alcuni di questi dati non sono più presenti ma presentati sotto forma diversa. Per altre informazioni più recenti rimando al seguente link​.


​Immagine 3: numero di ore in colonna

oredicoda1.png


Cause​
Nr. ore (var.%)​
​Traffico
22110 (-4​)
Incidenti​
​​2597 (+4)​
​Cantieri
​​393 (+67)
​Altro
266 (+59)​
Tota​le
​​25366​​



Immagine 4: i punti più trafficati della Svizzera


​​



Costi di auto vs Mezzi pubblici

Lo studio dell'ex capo dell'Ufficio dello Sviluppo Territoriale del Cantone Ticino, Riccardo De Gottardi, conferma ancora una volta che a livello di costi l'auto non è concorrenziale rispetto al mezzo pubblico. Il suo lavoro viene riassunto nell'articolo apparso nel quotidiano La Regione Ticino del 9 marzo con un articolo a cura di Simonetta Caratti, che riporto.

"Il Lussemburgo ha fatto il grande passo: da qualche giorno, trasporti pubblici gratuiti per tutti. È il primo Paese al mondo a scegliere questa via verde per combattere i cambiamenti climatici. Per il governo di Xavier Bettel la svolta ecologista è “un'importante misura sociale”, che consentirà al 40% delle famiglie, che già usano i mezzi pubblici, di risparmiare 100 euro l’anno. La domanda legittima è chi paga. La risposta è lo Stato. In ballo ci sono 41 milioni di euro l’anno, gli introiti della vendita di biglietti (l’8% dei 500 milioni spesi ogni anno per il sistema dei trasporti pubblici). È un passo praticabile in Svizzera, dove l’elevato costo di treni e bus è periodicamente messo in questione? Quanti sono pronti a lasciare l’auto in garage e salire su treno e bus, se costassero meno? Quanto meno? Fra auto e treno, chi esce davvero vincente oggi a livello di prezzi? Siamo andati a verificare, scoprendo che il trasporto pubblico è sempre economicamente vantaggioso per pendolari e viaggiatori assidui che hanno un abbonamento: in Ticino, il risparmio può arrivare a migliaia di franchi l’anno. Questo emerge da una analisi, un testa a testa fra auto e treno, fatta dell’esperto Riccardo De Gottardi, che per 30 anni si è occupato di pianificazione del territorio e della mobilità al Dipartimento del territorio. «La realtà talvolta differisce dalla percezione del singolo, che tendenzialmente non conosce o sottostima il costo della propria autovettura e sistematicamente ignora l’ampio spettro delle tariffe dei trasporti pubblici», spiega. Nell'analisi De Gottardi distingue fra traffico a lunga percorrenza e traffico regionale e differenzia anche tra costi variabili (che aumentano in funzione delle percorrenze effettuate) e costi fissi per l’auto (non dipendenti dall’uso). «Il confronto di tariffe tra treno e automobile (pur considerando solo quelle variabili), mostra che il trasporto pubblico è sempre vantaggioso per chi si sposta giornalmente o comunque spesso ed ha un abbonamento», spiega. Per i pendolari del lavoro e della formazione in Ticino che hanno un abbonamento Arcobaleno, la ferrovia batte l’auto, facendo risparmiare fino a 4mila franchi l’anno. Molti comuni offrono facilitazioni ai residenti che ne riducono il costo di un altro 20-30%. Facciamo un esempio. Un pendolare che ogni giorno fa Bellinzona-Mendrisio in 2ª classe sborsa 1’890 franchi, contro i 5’584 in auto, calcolando solo i costi variabili come carburante, servizi e riparazioni, senza i costi di un eventuale posteggio al lavoro. Sulla stessa tratta, per chi usa meno frequentemente i mezzi pubblici e fa capo alla carta giornaliera, la ferrovia batte le quattro ruote, se si ha l’abbonamento a metà prezzo: 16 franchi in treno, contro i 25 in auto. «Per chi si sposta meno frequentemente in Ticino come verso mete d’oltralpe, l’arma vincente nel confronto dei costi è avere l’abbonamento a metà prezzo (185 franchi per adulti il primo anno e dal secondo 165 franchi, 120 per i giovani fino a 25 anni). In 2ª classe permette un risparmio tra 30 e 130 franchi secondo le destinazioni fuori dal Ticino. Senza abbonamento, il biglietto a prezzo intero in 2ª classe è invece superiore all’auto». L’investimento per l’abbonamento a metà prezzo è conveniente «costa la metà o perfino un terzo della tassa annuale di circolazione». 'Bus gratuiti solo per periodi limitati' Prezzi a parte, la via del Lussemburgo è poco ipotizzabile secondo De Gottardi in Ticino: «È sostenibile per eventi specifici o periodi definiti a titolo promozionale. Diventa una proposta ingannevole se induce a credere che l’ostacolo all’uso dei trasporti pubblici sia il costo invece che le prestazioni e vengano così sottratte risorse per migliorare le prestazioni, che sono talvolta il vero problema da risolvere attraverso un loro potenziamento. Peggio ancora se la tariffa zero porta a negligere il fatto che il trasporto pubblico costa e, se non lo paga l’utente, dovrà farlo il contribuente, che già oggi nel traffico regionale ne assume circa i due terzi».

mob13.png  

mob14.png


Quanto spendiamo per l’autovettura?

I costi dell’automobile si distinguono in fissi (non dipendenti dall’uso del veicolo) e variabili che aumentano in funzione delle percorrenze effettuate. Tra i primi: ammortamento, interessi sul capitale investito, imposta di circolazione, assicurazione responsabilità civile, assicurazione casco, parcheggi… I costi variabili comprendono invece svalutazione del veicolo, carburante, pneumatici, servizi e riparazioni. «Se prendiamo alcuni modelli con un prezzo di catalogo tra i 25’000 e i 45’000 franchi (con trazione a benzina, ibrida o diesel) e una percorrenza annuale di 15’000 km i costi totali si situano tra 60 e 80 centesimi, quelli variabili tra i 25 e i 35 cts/km. Per la nostra analisi usiamo (come proposto dal TCS per il 2020) un veicolo medio dal prezzo di acquisto di 35’000 franchi, un costo totale di 71 cts/km, di cui 27 cts/km variabili», spiega De Gottardi. Vale anche la pena chiedersi quanto costa la seconda automobile in famiglia. «Rinunciandovi, f​acilmente il risparmio si potrebbe situare tra i 7’000 e i 10’000 franchi all’anno».

mob15.png  

Mezzi pubblici gratis per tutti. La rivoluzione verde del Lussemburgo potrebbe contagiare altri Paesi. Tanti sarebbero pronti a lasciare l’auto in garage e salire sul treno, se i biglietti fossero meno cari. Ma è un pregiudizio. In un testa a testa tra auto e treno, dimostriamo che i servizi pubblici escono spesso vincenti per il borsellino. Pendolari 'salvano' 4mila franchi

Per i pendolari del lavoro e della formazione in Ticino con in tasca l’abbonamento annuale Arcobaleno, il confronto non lascia spazio a dubbi: il trasporto pubblico è nettamente più vantaggioso dell’auto, anche se si sceglie la 1ª classe. Il vantaggio aumenta in funzione della distanza percorsa: «Nell’esempio da Bellinzona, il risparmio in 2ª classe, si situa, secondo la destinazione, tra 1’500 e 4’400 franchi. In 1ª classe a partire da 3 zone, tra 500 e 3’200 franchi. Vanno aggiunti i risparmi del posteggio al lavoro (tra 500 e 1’000 franchi l’anno) e sconti fino al 30% per collaboratori di imprese che partecipano all’azione ‘abbonamento aziendale’», spiega De Gottardi. Chi usa meno frequentemente i mezzi pubblici, di regola fa capo alla carta giornaliera. «Ipotizzando di partire da Mendrisio con l’abbonamento a metà prezzo, spostarsi coi trasporti pubblici è vantaggioso. Più il viaggio è lungo più il vantaggio è rilevante e può perfino dimezzare il costo rispetto all’automobile. Se si sceglie la 1ª classe l’auto è vincente sulle brevi distanze, pareggia i conti sulle medie, la ferrovia prevale solo per i tragitti lunghi».



Raddoppio del San Gottardo?

La premessa di questo paragrafo consiste nel voler esporre alcuni fatti oggettivi in modo apolitico e non ideologico sull'opportunità di raddoppiare o meno la galleria autostradale del San Gottardo.


VANTAGGI
​​​SVANTAGGI
  • ​​​​Più sicurezza in galleria;
  • Meno code ai portali sud e nord;
  • ​Studio Ufficio delle Strade (USTRA) dimostra che l’aumento di traffico avrà un effetto negativo sulla sicurezza nel resto delle strade svizzere;
  • Spostamento delle code alla Dogana di Chiasso: tratto del Sottoceneri già intasato che avrà influssi anche sulle strade principali;
  • Costo elevato (ca. 3 miliardi di fr.) per rapporto alla necessità;
  • Alptransit dovrebbe sgravare la rete stradale;
  • Rischio di incentivare il trasporto su gomma;
  • Più traffico e inquinamento in Ticino e Uri;
  • Traffico giornaliero e il numero di giornate di coda (che si hanno solo in certi momenti) non mette in primo piano l’opera;
  • Altre zone della Svizzera molto più trafficate


In conclusione, soppesando i vantaggi e gli svantaggi questi ultimi sono nettamente in maggioranza e non parlano a favore di un raddoppio della galleria.

Come ben sappi​amo però, il 28 febbraio 2016, il popolo svizzero ha approvato in votazione popolare. Solo il futuro ci dirà se sarà stata la scelta vincente.



Il progetto Alptransit[2]

Con la costruzione della Nuova ferrovia transalpina (NFTA) nasce un collegamento ferroviario rapido ed efficiente. Il cuore della nuova linea è costituito dalle due gallerie di base del San Gottardo e del Ceneri. Nell'immagine sottostante si può vedere il percorso. Questo collegamento ferroviario consente ai treni di attraversare le Alpi con pendenze minime e ampie curve. Il punto più alto è ad appena 550 metri sul mare, l'altitudine della città di Berna.

MOB11.png  

Questa ferrovia di pianura consente di trasportare efficientemente le merci su rotaia e di ridurre la durata dei viaggi del traffico passeggeri nazionale e internazionale. Nel traffico passeggeri la nuova linea permette di ridurre notevolmente la durata dei viaggi. La nuova linea del San Gottardo è un tratto ad alta velocità. I treni viaggiatori possono circolare per circa 60 km con velocità fino a 250 km/h. Per velocità del genere il tracciato deve essere praticamente diritto, senza curve strette, e sui tratti a cielo aperto non devono esserci passaggi a livello.

Per potenziare i mezzi pubblici e trasferire nella maggior misura possibile il traffico merci dalla strada alla rotaia bisogna modernizzare e ampliare l'infrastruttura. In questo modo viene nettamente migliorata la competitività della ferrovia nel traffico merci. Questo favorisce il trasferimento del traffico dalla strada alla rotaia, il che a sua volta consente di attuare quanto voluto dall'articolo costituzionale sulla protezione delle Alpi.



Le automobili e il futuro

Politicamente si è iniziato un cambiamento verso le auto meno inquinanti. Infatti la riveduta legge sul CO2 prevede una tassa all'importazione di automobili nuove con emissioni di CO 2 che superano i 130 g/km. Vengono sanzionati i veicoli nuovi che consumano più di 5,6 l/100 km di benzina, rispettivamente più di 4,9 l/100 km di diesel. Da qualche anno anche per le auto è stata attribuita l'etichetta Energia, vedi immagine successiva, che in un colpo d'occhio permette di stabilire l'efficienza.


Immagine 5: classi di efficienza energetica in Svizzera

etichetta energetica.png


Anche gli pneumatici hanno un'etichetta e la scelta di categoria A e B possono permettere un risparmio di carburante fino al 6% e una riduzione fonica.

​Come consumare di meno?

In Ticino il 30% degli spostamenti in auto non supera i 3km, proprio in questi tratti brevi che l'auto consuma di più poiché il motore non riesce a scaldarsi a sufficienza. Evitare gli spostamenti brevi. Il climatizzatore aumenta del 10-30% il consumo di carburante.

Visto il crescente bisogno di mobilità, che non è seguita da un pari aumento di capacità delle arterie stradali, come si può risolvere il problema per ridurre inquinamento e ingorghi stradali?


Car sharing: sistema che conta oltre 100'000 membri, funziona senza sportello. Si può scegliere tra 2500 veicoli situati principalmente nelle città e presso le stazioni. L'auto può essere riservata 24 ore su 24 per telefono o internet. Il sistema funziona con una quota e fatturazione annua. È vantaggioso per meno di 15'000km annui ma si risparmiano costi del parcheggio e manutenzione.


Car pooling: in svizzera circa il 90% delle persone che si reca al lavoro lo fa da solo quindi bisognerebbe aumentare la condivisione, ossia più persone che utilizzano la stessa auto quando tragitto e orari sono circa i medesimi. In questo modo si risparmiano costi e si riducono le auto in strada.


Mezzi pubblici: in questi ultimi anni ci si rende sempre più conto che il mezzo pubblico va potenziato, in particolar modo nelle aree urbane per questo motivo si sta investendo moltissimo per adeguare le infrastrutture sia ferroviarie, dei tram e dei bus.


Non ridurranno i mezzi sulle strade ma almeno risolvono il grande problema dell'inquinamento: le auto elettriche.

Oramai non è più un mercato di nicchia, per alcuni entro il 2050 tutte le auto dovrebbero esserlo. L'auto viaggia grazie a un motore elettrico che non necessita di benzina e di tutta la manutenzione che un motore richiede e può essere tranquillamente ricaricato da casa. Già oggi in Ticino ci sono 100 colonne di ricarica e ci sono degli incentivi all'acquisto. L'esplosione forse non è ancora arrivata poiché il costo è leggermente maggiore e soprattutto la percorrenza è limitata: ca 200 km in media (500 per la Tesla ma con un costo non alla portata di tutti).

Facciamo un paragone con la Bmw i3, che percorre fino a 300km con un carica di 5 ore (nelle pubbliche e 10 in quelle casalinghe).




BMW I3 UTILITARIA A BENZINA
Km Annui
1500015000
Costo benzina (base marzo 2015, chf 1.5/l) consumo medio, 7l/100km
- 1575
Manuntenzione e targhe in chf
200 1000
Elettricità (base 11,5kw/h per 100km)
1725-
Costo elettricità (base chf 0.2 per Kw/h)
345 -
Costi totali manutenzione ​545 2575


In Ticino il Cantone garantisce i seguenti vantaggi a chi usa un mezzo elettrico:

Imposta di circolazione

In Ticino dal 2009 sono entrati in vigore gli ecoincentivi con un sistema di bonus/malus sull'imposta di circolazione. A partire dal 1.1.2014, la modifica della legge ecoincentivi prevede un sistema di calcolo delle imposte sulla base delle emissioni di CO2 del veicolo. Benefici consultabili su www.ti.ch/circo​lazione.


Contributi finanziari per​ ebike

Alcuni Comuni ticinesi offrono un contributo finanziario ai propri cittadini che decidono di acquistare una bicicletta elettrica. www.ebiketicino.ch


Agevolazioni di parcheggio

In diversi Comuni ticinesi ci sono delle particolari agevolazioni di posteggio per i veicoli muniti di vignetta Friendly VEL. La sola condizione per poter beneficiare di questo vantaggio è richiedere GRATUITAMENTE la vignetta Friendly VEL in corso di validità presso i nostri uffici o tramite il formulario a lato. Possono riceverla tutte le persone detentrici di veicoli che rientrano nei criteri stabiliti da infovel.


Riduzioni e sconti su prestazioni

Diverse compagnie d'assicurazione concedono ribassi particolari su RC e casco dei premi assicurativi ai veicoli efficienti, come pure società di leasing offrono tassi particolarmente vantaggiosi. www.bfe.admin.ch


Un altro interessante progetto è E-Force: un progetto svizzero di camion elettrico che produce energia quando si frena. Ad es. per un trasporto dalla Svizzera interna al Ticino, la batteria in cima al passo del San Gottardo è scarica, ma durante la discesa e le relative fasi di frenata riesce a ricaricarsi.


[1] È da osservare come il microcensimento della Mobilità e Trasporti venga svolto ogni 5 anni, l'ultima nel 2015, a breve dovrebbero pubblicare quella nuova.​

[2]​Fonte : www.alptransit.ch​